1. This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Learn More.

e-books vs books

Discussion in 'Sciences & Technology' started by Mauro Bruno, Jun 20, 2012.

  1. Mauro Bruno

    Mauro Bruno Sun Staff Member

    Confronto tra due tecnologie: libri e ebooks, tenendo conto delle eventuali tecnologie collaterali necessarie per il loro uso ( penna per sottolineare, ebook reader, certe rilegature, etc.)
  2. Licht

    Licht Enlisted Sailor

    Mi sto approcciando ora agli ebooks, ma non tramite un reader canonico, bensì con iPad. Lo trovo molto scomodo, mi affatica e in generale non riesco a leggere senza distrarmi. Forse con un reader più piccolo/leggero/non collegato ad internet la situazione cambierebbe.
  3. Vilkas

    Vilkas Enlisted Sailor

    Preferisco molto di più i libri cartacei, mi piace portarli in giro e leggerli alle fermate degli autobus, in stazione, in piazza, in facoltà, mentre cammino, everywhere. Ho un rapporto morboso con i segnalibri, trasformo in segnalibro ogni cosa e successivamente in postit temporaneo, scrivendoci sopra le pagine che mi interessano, citazioni, la lista della spesa o la canzone che sto ascoltando. Ad ogni libro attacco un gancetto per la matita, così ce l'ho sempre a portata di mano. Quando leggo a pc mi parte la vista e mi distraggo tantissimo, ma sono costretta a farlo spesso per non spendere soldi.
  4. manfroze

    manfroze The Fisherman of Reality Staff Member

    Io non leggo da troppo tempo, sono una persona bruttissssssima
  5. Matsor Browncoat

    Matsor Browncoat Chunky Admiral of the Fleet Staff Member

    Io ascolto audiolibri. Quando cucino, quando riordino, quando lavo, quando pulisco, quando guido, ogni volta che non devo leggere o mettere particolarmente a fuoco.

    Dei books e degli e-books non mi interessa nulla. Voi siete indietro, e non avete esplorate appieno le possibilità dell'esistenza. Temo per il vostro futuro.
  6. Vilkas

    Vilkas Enlisted Sailor

    Ho provato ad ascoltare l'audiolibro di Harry Potter ma odiavo la voce.
  7. Matsor Browncoat

    Matsor Browncoat Chunky Admiral of the Fleet Staff Member

    Ma hai provato ad ascoltarlo in italiano?
    Io di harry potter ho ascoltato sia la versione americana che quella inglese letta da Stephen Fry. È stato come leggere due libri, e bellissimo in entrambi casi.
  8. Vilkas

    Vilkas Enlisted Sailor

    Si, in italiano XD
  9. Matsor Browncoat

    Matsor Browncoat Chunky Admiral of the Fleet Staff Member

    Mai provato un audiolibro in italiano. Non posso attestarne la qualità.
  10. Vilkas

    Vilkas Enlisted Sailor

    Quello non mi piaceva, ma non ne ho provati altri (anche perchè li cercai su internet e ce n'erano pochini)
  11. Mauro Bruno

    Mauro Bruno Sun Staff Member

    Gli audiolibri sono per me qualcosa di diversissimo dai libri. Direi anche di aprirci un thread a parte - non tanto per questioni di off topic qui, chissene, ma perché è un mondo che voglio esplorare prossimamente (potrei iniziare già domani in treno, sono serio).



    Per quanto riguarda i libri, ne ho letti veramente tantissimi in vita mia. Mi piacciono alcune delle sensazioni che mi portano, un tempo mi piaceva molto riordinare la libreria, e alle elementari avevo messo su un'aziendina di segnalibri (ossia costringevo i miei compagnetti a produrne, e poi io li vendevo).

    D'altra parte per me tutto ciò impallidisce davanti ai potenziali vantaggi degli ebooks:

    * Avere la propria libreria sempre con sé.
    Io negli ultimi due anni mi sono trasferito a Pisa, a Palermo da Pisa, di nuovo a Pisa da Palermo, e mi accingo a trasferirmi a Londra. Dopo Londra, possibilmente USA o altre città inglesi. Mi secca un po' non avere Dune, non poter prendere in mano il mio bellissimo libro di miti nordici.
    La cosa è ancora più importante se sei uno studente. Seriamente, dovrei portarmi appresso tutta la libreria della facoltà per avere risposte a certi quesiti che mi vengono in mente - e che vengono in mente a qualunque maledetto studente di materie come la mia. Non dovermi scarrozzare il Kandel e altri libroni in giro è realmente, realmente un vantaggio critico.
    * Scaricare tutto ciò che vi pare
    Quando "Psychology" di Gilbert costa 55$ e dovresti fartelo arrivare dall'america, quando non sei sicuro che "Tales of Dunk and Egg" sia valido e ti secca andare sotto il sole fino all'unica Feltrinelli della città. Quando il tuo libro ha delle immagini a colori essenziali per la comprensione e dunque non puoi fotocopiarlo.
    * Interazione
    Sottolinea, cancella, cerca quel termine su wikipedia, ingrandisci.

    D'altra parte ho detto "potenzialmente" per un motivo: queste feature non sono presenti nella stragrande maggioranza dei reader (alcune in nessuno), mentre altri reader sono scomodi, altri ancora troppo costosi. Insomma, i vantaggi sono evidenti, ma (che io sappia) non sono ancora pienamente realizzati dalla tecnologia "accessibile" al momento.
  12. Licht

    Licht Enlisted Sailor

    * si abbattono meno alberi.
  13. Mauro Bruno

    Mauro Bruno Sun Staff Member

    Verissimo, e questo vale ovviamente per la computerizzazione in generale. Vabbè che secondo me dovremmo creare una forma di tecnocrazia in cui si punta essenzialmente sulla scienza per risolvere ogni problema l'umanità si pone. Ma non discuterò di ciò, altrimenti rischio un serio e consistente OT.
  14. Suriele

    Suriele Enlisted Sailor

    Da bravo bibliomane dovrei abiurare la tecnologia degli eBook ma come ha già ampiamente sottolineato il buon Feld ci sono dei reali e concreti vantaggi. Parlo di reali e concreti e non potenziali poiché esiste il Kindle, il miglior eBook Reader in circolazione con costo accessibile (partiamo da 129 Euro) e tecnologia InkPearl o E Ink, WiFi e Touch... I libri restano una cosa fantastica ed il solo odore/ profumo di porta in mondi lontani e magici, ma la praticità del eBook risulta non chiaramente trascurabile...
    Per motivi di studio/lavoro questa tecnologia risulta fondamentale in materie sia scientifiche che umanistiche, soprattutto quando si tratta di lavorare su testi datati al 1874-75 che risultano altrimenti irreperibili o ancor di più quando si necessità di articoli di riviste con costo che che si aggira attorno ai 150-200 euro.
    La praticità di portarsi sia libri di lavoro che di piacere in soli 300g quando si deve viaggiare in aereo risulta fondamentale quando il peso lo calcoli al grammo per poter risparmiare.

    Ovviamente se leggo un buon romanzo o nella mia biblioteca personale servono alcuni strumenti di lavoro non manco di acquistarli...

    Presto tratterò l'argomento in modo più approfondito... ora il mio dolce giaciglio chiama
  15. Eleean

    Eleean Orribile Mod Alieno Staff Member

    Entrambi sono necessari. Libri per questione puramente estetica, ebook per economicità e, talvolta, comodità. Ma è stato più volte espresso questo pensiero.

    Sono un po' dubbiosa nei riguardi degli audiolibri. Come funzionano? Trovo bellissimo, durante la lettura, poter delineare nella mia mente la voce dei personaggi, e piacevole dettare io stessa le pause alle battute, con una prima e immediata interpretazione di tonalità e cadenza del discorso. Gli audiolibri risulterebbero, dovessero sostituire la lettura, una fastidiosa castrazione, quantomeno nel mio caso.
    Le esprerienze che ho avuto, invece, di dettato, e l'ascolto di alcune letture molto espressive e belle (principalmente quelle di Mauro, che è più o meno un dio nel campo) mi portano a pensare gli audiolibri, che si basano sulla stessa struttura, siano materiale per un diverso esperire artistico, che non può davvero essere comparato né sostituire libri o ebook, mentre invece libri ed ebook possono sovrapporsi, giudicando il risultato estetico dell'esperire la lettura e non considerando il piacere tattile e olfattivo del libro, che pur varia anche tra libri cartacei e non sempre è dato.
  16. Valla

    Valla Enlisted Sailor

    Ho preso un reader pochi mesi fa in vista del mio ennesimo trasloco, non si può portare sempre tutto con sé.
    Ero poco convinta all'inizio ma penso sia il migliore acquisto che abbia fatto in vita mia.
    Non ho subito nessun trauma nel passaggio cartaceo - digitale..direi che in un'ora mi ero abituata già del tutto, ora quando ho i libri in mano dico "Oddio come pesa" :D
    Ho tutti i libri con me, li evidenzio, prendo note, il mio lettore quando si clicca su una parola inglese ti mette la traduzione (e per i testi complicati è una manna dal cielo, trovo anche 20 parole a pagina che non conosco :/ ) , ammetto che poi in qualche periodino di pochi soldi ...c'è un altro grande vantaggio! In più legge anche gli mp3 e a volte metto cose che secondo me stanno bene col libro, la batteria dura 3 settimane e leggo per 10 ore di fila senza che mi si stanchino gli occhi (la differenza più grande con l'IPad)..Insomma io ora sono totalmente convertita, i libri sono bellissimi ma occupano veramente troppo spazio, inquinano e costano di più :/
  17. Franz

    Franz Enlisted Sailor

    [quote="Matsor Browncoat, post: 354"]Mai provato un audiolibro in italiano. Non posso attestarne la qualità.[/QUOTE]Prova(te) Hanno tutti ragione, di Paolo Sorrentino, letto da Toni Servillo. Meglio di un libro. Meglio di un film. Forse anche meglio del teatro. O a parimerito.

    Sui vantaggi e svantaggi dell'ebook s'è detto tutto, sono quelli lì. Ora quello che conta è l'esperienza.

    Per la mia esperienza, devo innanzitutto dissentire sulla bontà indiscussa del Kindle. E' buonissimo, ma gli manca la capacità (anzi, la volontà...) di leggere il formato epub. Per chi non lo sapesse, l'epub è il formato aperto e quasistandard per i libri digitali. Amazon utilizza invece un formato proprietario che però è sostanzialmente uguale, quindi fa solo i capricci.
    Questa guerra dei formati (e degli store) è uno degli svantaggi del passaggio a ebook. Si bypassa se si ha la capacità e la voglia di smanettare e hackerare, ma è uno scoglio altrimenti insormontabile per il pubblico generico, che quindi deve sottostare alle soluzioni preconfezionate delle multinazionali per avere un esperienza di lettura non più problematica che col cartaceo.
    Io quindi ho scelto un reader epub, fralaltro di fascia alta (per non rinunciare ai vantaggi elencati da Mauro). Ce l'ho da un annetto e mi dà tante soddisfazioni, tanto che compro ebook come se non ci fosse un domani (giusto oggi Goodreads mi ha avvertito che ho superato i 200). E' ancora ampliamente migliorabile dal lato software, il che per chi non è smanettone è un grosso problema.

    Fra gli altri vantaggi non va dimenticata la "pirateria". Per i libri in inglese e i bestseller italiani è una manna. Saghe che in Italia ti fanno pagare 15 euro a libro, in dieci secondi e 0 euro ce le hai dal primo all'ultimo volume. Trovare il tempo di leggerli poi è un altro paio di maniche. E' illegale? Sì. E' ingiusto? No. Se leggo solo un libro all'anno, è giusto pagarlo. Ma se di 200 libri all'anno ne pago il [omissis]%, hai solo da stare zitto e dire grazie, caro il mio legislatore/esecutore/giudicatore e autore/editore/distributore.
  18. Valla

    Valla Enlisted Sailor

    Tu che lettore hai? Anche io alla fine non ho scelto il kindle, troppo vincolato ad Amazon e troppa difficoltà coi pdf... Ho un sony PrsT1, mi trovo da dio e l'ho pagato quanto un kindle (non touch!), basta sapere aspettare e cercare!
  19. Franz

    Franz Enlisted Sailor

    Anch'io ho il PRS-T1, ma lo presi a prezzo pieno appena uscito (200 eurozzi), con inclusi 20€ di ebook su MediaWorld.
  20. AlessioMaria

    AlessioMaria Enlisted Sailor

    Studio storia, sono fondamentalmente un pesce fuor d'acqua in quella che, molto spesso, trovo una sterile contemporaneità. Ho un rapporto intimo, morboso e fisico, da quando ero piccolissimo, con i libri. Tomi di ogni tipo e forma: antichi, vecchi, nuovi, d'arte, di poesia, di medicina. Tutto insomma. Amo l'odore, amo toccarli e, sopra tutto e tutti, sono per me compagni tangibili e veri di tante esperienze.
    Sarò retro' e, magari, verrò additato come tale o peggio, ma la carta e carta! Non rifiuto la tecnologia, credetemi, altrimenti non starei qui ma l'e-book, se non per fini squisitamente di costi, li trovo terrificanti.

Share This Page