1. This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Learn More.

Parlare dei propri problemi.

Discussion in 'Events, Problems, Relationships & People' started by Ai Haibara, Jul 25, 2012.

  1. Ai Haibara

    Ai Haibara Enlisted Sailor

    Stavo riflettendo con rammarico che ultimamente non ho la possibilità di sentirmi con alcuni amici con cui posso confidarmi, cosa che in caso di dubbi che mi rodono sta diventando un po' problematica.

    Voi riuscite a riflettere sui vostri problemi e giungere a conclusioni e soluzioni da soli, oppure avete bisogno/amate parlarne con persone di cui vi fidate?

    Ovviamente io considero questo mio frequente bisogno di confidarmi come un difetto. Voi come giudicate il vostro comportamento in questo ambito? Sempre se lo giudicate.
  2. Eleean

    Eleean Orribile Mod Alieno Staff Member

    Uhm, ho appena notato la frase nella tua firma.

    Ad ogni modo, io mi autoanalizzo in continuazione, ma effettivamente mi aiuta moltissimo parlare ad altri di quanto reputo problematico, se non altro perché con lo stesso metterlo in parole lo accetto, ordino, realizzo, offro di esso una versione non autoreferenziale (perché finalizzo il discorso alla comprensione) e quindi lo osservo sotto un'ottica che lo normalizza e mi permette di applicarvi regole canoniche.
    E non voglio escludere la presenza dell'altro: i miei maggiori cambiamenti sono avvenuti quando ho afferrato dal discorso altrui riguardo i miei problemi qualcosa che non potevo generare da sola.

    Le persone sono mirabili e bellissimi esseri.
  3. Ai Haibara

    Ai Haibara Enlisted Sailor

    Ultimamente, purtroppo, è una frase in cui credo molto.

    Devo dire che mi trovo d'accordo col la tua risposta, soprattutto con questo cogliere qualcosa che da soli non si poteva capire. Poter vedere le cose da un altro punto di vista può essere di grandissimo aiuto. ...Almeno sento un po' giustificato il mio comportamento.
  4. manfroze

    manfroze The Fisherman of Reality Staff Member

    Gli altri sono fondamentali. Se e quando si èuò, in brevi attimi, bisogna perdersi in essi senza rete né paracadute. Rischiando la morte totale e assoluta, ma ne vale la pena.

Share This Page